giovedì 8 marzo 2012

Cultura, culture

Oggi parole come cultura, etnia, integrazione e identità sono ormai d'uso comune. Ma nessuno dovrebbe discutere di concetti tanto complessi senza fermarsi prima a rifletterci. È sarebbe fondamentale che lo facessero tutti coloro che -a vario titolo- si trovano ad operare in contesti interculturali.

Per questo oggi parliamo di cultura. Questo post mi frulla in testa da mesi ma non sono ancora riuscita a dar forma ai miei pensieri: vorrei essere chiara, ma non banale. Semplice, ma non superficiale. Il fatto è che non potrei mai scrivere di intercultura senza prima chiarire cosa intendo io per cultura, quindi oggi vi beccate il pippone :-) 
So bene che se ne potrebbero scrivere -e se ne sono scritti- centinaia di volumi, quindi non ho la pretesa di esaurire qui il discorso sulla cultura, ma voglio provare a raccontarvi quanto ho capito io in questi anni di studio e lavoro.

Quello che ci interessa qui è il significato antropologico della cultura.
L'Unesco considera la cultura come "una serie di caratteristiche specifiche di una società o di un gruppo sociale in termini spirituali, materiali, intellettuali o emozionali".
In altre parole la cultura ci fornisce gli strumenti (tradizioni, conoscenze, pratiche, artefatti...) per comprendere la realtà e organizzare la nostra vita. In questa prospettiva il linguaggio è cultura, la religione è cultura, le tradizioni sono cultura, la gestualità è cultura, il senso comune di ciò che è giusto o sbagliato è cultura, la forchetta è cultura. Noi viviamo immersi nella cultura e non ce ne rendiamo conto. Il mio primo -ora stimato, allora temuto- professore di antropologia diceva che la cultura è l'universo di segni nei quali l'uomo vive, dover per segno intendeva tutto ciò che dà e porta un significato.

Dunque la cultura è qualcosa che ci accompagna ogni giorno ma di cui fatichiamo ad accorgerci, qualcuno una volta mi disse che la cultura è un paio di occhiali: necessari perchè senza non vedremmo nulla ma che in qualche misura distorcono la realtà. Ecco, questi occhiali sono indispensabili, ma indossando occhiali diversi quello che vediamo è leggermente diverso. Questa metafora mi è molto cara perchè mi sembra tanto semplice quanto azzeccata.
Le varie culture, quindi, sono semplicemente modi diversi di interpretare il mondo che ci circonda e rispondere alle stesse esigenze.

Caratteristiche della cultura:
- la cultura è multipla e multiforme, composta di molti e vari aspetti
- non è statica ma in continuo divenire e in continua trasformazione
- la cultura è appresa e "socialmente costruita", non qualcosa di genetico e innato!
- è condivisa ma stratificata all'interno di un gruppo: cioè è diffusa tra i membri di un gruppo ma non è uguale per tutti, si possono notare differenze a seconda dell'età, del genere, del livello di istruzione ecc.
- oggi, rispetto al passato, è legata in modo molto meno rigido al territorio

Per oggi chiudo qui, ma ne riparliamo. Ok?
Per qualsiasi domanda o curiosità lasciate un commento.

7 commenti:

  1. "la cultura è l'universo di segni nei quali l'uomo vive".. E' una frase bellissima.
    Argomento non semplice. Ma quello che hai scritto è chiaro. Aspetto il prossimo passo per capirne di più!.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. speriamo che non ci vogliano altri mesi per "partorire" anche il prossimo post! muahahah...

      Elimina
  2. "Ecco, questi occhiali sono indispensabili, ma indossando occhiali diversi quello che vediamo è leggermente diverso" a me piace questo pezzo.
    Di una poesia e di una verità uniche.

    RispondiElimina
  3. Ciao è da un po' che vengo a vedere il tuo blog e non ho mai commentato ma volevo dirti che mi piace molto. L'articolo è molto interessante, come tutto il tuo blog del resto.

    RispondiElimina
  4. Mi piace molto, tutto l'articolo...semplice e chiaro, ma non banale!

    RispondiElimina

lunga è la foglia, stretta è la via...
dite la vostra, che ho detto la mia!