lunedì 29 ottobre 2012

Piatto di riciclo: gnocchi di polenta

È arrivato il freddo, ve ne siete accorti?
Ieri non c'era oggi è arrivato, con prepotenza. Freddo, vento, neve e pioggia. 

Cosa c'è di meglio che una polenta calda per scaldare corpo e anima?

Se esagerate un po' con le dosi, nessun problema: ci sono molti modi per riciclare la polenta, uno dei miei preferiti sono gli gnocchetti.

Tagliate a tocchetti la polenta e mettetela nel mixer. A seconda della consistenza della vostra polenta, aggiungete un uovo o del latte e un cucchiaio di parmigiano. Frullate e formate gli gnocchetti. (Se l'impasto risultasse troppo molle, aggiungete qualche cucchiaiata di farina).

Ora potete cuocere gli gnocchi in acqua bollente finché verranno a galla e condirli a vostro piacimento. 
(Se siete attente alla linea potete accontentarvi di un semplice sugo di pomodoro, altrimenti osate con un po' di gorgonzola...)

Gli gnocchi possono anche essere congelati e cotti al momento, tuffandoli nell'acqua ancora congelati.
Per evitare che si incollino insieme io li metto in freezer allargati su un vassoio e, una volta congelati, li trasferisco nei sacchetti, già divisi in porzioni.




10 commenti:

  1. ...e fritta??!? Penso sia una delle cose più buone al mondo!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. mai fatti devono essere deliziosi
    buona giornata

    RispondiElimina
  3. .... ma che bella idea! Grazie
    un abbraccio
    lella

    RispondiElimina
  4. Noi invece la tagliamo a fette e la usiamo il giorno dopo al posto delle lasagne, con ragù e formaggio!
    Oppure, se è poca, la incartiamo ben bene nel cellophane in modo che non faccia la crosta dura (non c'è bisogno di metterla in frigo, basta tenerla al fresco - a meno che hai i riscaldamenti sui 25°, si intende) e la mangiamo al posto del pane. Ottima spalmata di marmellata casereccia per la merenda.

    Però, domanda: voi la polenta la fate morbida o dura? La nostra è sempre un macigno e si fa fatica a girarla, e richiede tre quarti d'ora di cottura, quindi non la facciamo tanto spesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Morbida o dura? Credo una via di mezzo! Non è morbida da raccogliere col cucchiaio, ma nemmeno molto dura. Io uso 4 litri d'acqua per un chilo di farina, poi non sempre viene uguale perchè la farina è molto sensibile all'umidità... (p.s. comunque io la lascio mescolare al paiolo elettrico, ahahahah)

      Elimina
  5. Noi invece la tagliamo a quadratini e poi la mettiamo in una teglia condendola abbondantemente con sugo di funghi oppure con una specie di fonduta con gorgonzola e stracchino e poi inforniamo per incroccantirli ... buonissima....

    RispondiElimina
  6. Che bella idea e chissa' che bonta'!!!
    Un bacio
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  7. Interessante!!
    Noi invece ci facciamo dei maltagliati o delle frittelle dolci buonissime!!!
    Bacii

    RispondiElimina
  8. ecco, questa cercavo!, è da una settimana che sogno questi gnocchi e stasera saranno miei! :)

    RispondiElimina

lunga è la foglia, stretta è la via...
dite la vostra, che ho detto la mia!