lunedì 18 aprile 2011

dolci pensieri per pasqua

cosa c'è di meglio che regalare un dolce fatto con le proprie mani? un regalo buono, genuino e fai da te. se poi è bello da vedere tanto meglio ;-)
io sono una fan dei dolci confezionati come fossero veri e propri pacchi regalo. non mi piace portare il dolce in un contenitore che poi la padrona di casa deve lavare e restituirmi. soprattutto quando vado da qualcuno con cui non ho molta confidenza, evito questa pratica e mi invento delle vere e proprie confezioni regalo per i miei dolci.
il mio alleato più fedele? la carta forno. e poi... tutto quello che la fantasia mi suggerisce ;-)

ecco qualche esempio che potrebbe tornarvi utile per le prossime feste pasquali...
per quanto riguarda le torte, la forma che meglio si presta ad essere impacchettata è il plum-cake. potete semplicemente avvolgerlo nella carta forno, come fosse un llibro o una scatola qualsiasi, e legarlo con della rafia o un nastrino colorato. 
se invece volete dargli una base più solida munitevi di cartoncino (io di solito uso quello ondulato), matita, squadra, forbici e pinzatrice. misurate la base della vostra torta e, seguendo le indicazioni nell'immagine disegnate, tagliate e piegate la sagoma della vostra scatola.
negli angoli le piegature pormeranno delle "orecchie" che pinzate daranno forma alla vostra scatola. più facile a farsi che a dirsi!
infilate la vostra torta (avvolta con la carta forno) nella scatola e decorate con un bel nastro, voilà!
 

se invece che una torta avete intenzione di regalare piccoli biscotti o pasticcini preparate una scatola come spiegato sopra, poi con un foglio di acetato (usate i fogli trasparenti che si usano per rilegare: sono più rigidi dei fogli per lavagna luminosa!) faremo la parte superiore della confezione. non si tratta di un vero e proprio coperchio ma semplicemente di un foglio tagliato a misura e piegato. ecco lo schema: il "meccanismo" è lo stesso che abbiamo usato per tagliare e piegare la base, ma questa volta diminuite di qualche millimetro la misura della base e aumentate invece quella della "alette" (in questo modo sarà più facile aprire la scatola). per segnare le linee di piegatura usate la lama delle forbici, eliminate le parti che sullo schema sono barrate. ecco fatto, una volta disposti i vostri dolcetti nella scatola basterà inserire il coperchio e fermarlo con un nastro.


facile ed economico, ma d'effetto. non vi pare?
e dopo il "contenitore" domani... penseremo al "contenuto". stay tuned!

13 commenti:

  1. ..ma che bella quest'idea e' utilissima ..grazieeee......Patrizia

    RispondiElimina
  2. vero facile ed economico!! Tante volte si hanno a disposizione un sacco di cose ma non ci si pensa! è una bellissima idea!! grazie!

    RispondiElimina
  3. Idea carina che userò per regalare le mie ciambelline al vino. Grazue.
    Anna Maria

    RispondiElimina
  4. Molto interessante questa idea!!!Io ho sempre il problema di come trasportare i miei dolci!!!
    Grazie.
    Proverò e ti farò sapere!
    Anna

    RispondiElimina
  5. Wow Linda!!!
    Le tue idee sono sempre eccezionali!!!

    Baciii
    Cri&Anna

    Ps: abbiamo un candy in corso....se ti va di tentare la sorte....passa a trovarci!!!!

    RispondiElimina
  6. è vero, assolutamente d'accordo con te!!!ogni volta che porto un dolce a casa degli altri è così antipatico chiedere indietro il contenitore alla padrona di casa!!!
    le tue idee mi sfiziano mucho, prenderò spunto!!!
    a kiss

    RispondiElimina
  7. bellissimooooooooooooooooooooooooo^-^

    RispondiElimina
  8. una semplice confezione per un dolcissimo pensiero. Brava, Mobizu

    RispondiElimina
  9. ..mi leggi nel pensiero:) avevo giusto bisogno di un contenitore per biscotti:) grazieeeeeeeeeeeeee;)))))))

    RispondiElimina
  10. molto d'effetto!!! mi piace ;)

    RispondiElimina
  11. davvero comoda, d'effetto, pratica, bella idea complimenti!!! baciuz anna

    RispondiElimina
  12. Già fantastica idea che userò a breve....ma una domanda....se la torta fosse tonda??

    RispondiElimina

lunga è la foglia, stretta è la via...
dite la vostra, che ho detto la mia!