venerdì 31 gennaio 2014

Liberiamo una ricetta 2014: mousse di mela

C'ero due anni fa quando questa cosa è nata per amicizia e per gioco.
C'ero l'anno scorso, anzi posso vantarmi di aver detto "Hei, lo rifacciamo?". Poi hanno organizzato tutto le altre ma vabbè, son dettagli e io mi vanto lo stesso.

Potevo dare forfait quest'anno? Sì potevo, anzi ce l'avevo quasi fatto a mancare l'appuntamento e invece no, tiè. Eccomi.

Vi propongo una ricetta di una semplicità imbarazzante, l'altro giorno l'ho spiegata a un'amica su facebook in  due righe, ma oggi la tiro per le lunghe e ci faccio persino un post :-)

Capita anche a casa vostra che quando non hai più mele, tutti ne vorrebbero una e quando le compri poi rimangono lì nel portafrutta a fare "le rughe", vero? 

E quando la buccia diventa rugosa, basta la povera mela non ha più speranza di essere pescata dal cesto, manco per sbaglio. Ecco, questa è una ricetta per dare un futuro (breve ma intenso) alle povere mele rugose. #salvaanchetuunamelarugosa

La ricetta, tra l'altro, è adatta a vecchietti con dentiere traballanti, mamme a dieta, papà che non amano sbucciare frutta (pare sia contro la loro religione), bimbi che non mangiano la frutta (lo so, lo so non funziona ma ci si prova...).

Prendete le sconsolate mele, sbucciatele e tagliatele a tocchetti, mettetele in un pentolino con un dito d'acqua e una spruzzata di succo di limone.
Coprite e lasciate cuocere a fuoco piuttosto basso per una decina di minuti, in alternativa potete cuocere nel microonde a vapore o in immersione.
Quando le mele sono morbide prendete il Minipimer e minipimerizzate tutto. La mousse è pronta.


Potete mangiarla calda, tiepida o fredda, de gustibus.
Io ho parlato di mele ma con lo stesso procedimento potete preparare vari tipi di frutta: pera, mela e pera, mela e kiwi...)
Per rendere più golosa la mousse potete aggiungere gocce di cioccolato, muesli, cereali, frutta secca tritata grossolanamente, una spruzzata di cannella o cacao. (Ecco, magari se rientrate nella categoria "mamma a dieta" omettete quest'ultimo passaggio, aehm.)
Volendo, la purea di frutta si conserva per un paio di giorni in frigorifero in un contenitore a chiusura ermetica.

Di seguito la versione breve:

Ta-daaaaaaaaaan, che aspetti salva anche tu una mela rugosa :-)


---

"Le storie sono per chi le ascolta, le ricette per chi le mangia. Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è di mia proprietà, è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web".
---

Come lo scorso anno chi partecipa all'iniziativa o chi legge le ricette può donare l'equivalente di quanto speso per il il piatto a sostegno del Centro Astalli di Roma. 

6 commenti:

  1. Grazie per la ricetta ho proprio alcune mele che sono rimaste (e rimarrebbero) nel cestino della frutta ;-)
    Un sereno e gioioso fine settimana

    RispondiElimina
  2. Uh che ricetta interessantissima, capita anche a noi di avere male con le rughette!!!
    Grazie mille e buon fine settimana
    Cri&Anna

    RispondiElimina

lunga è la foglia, stretta è la via...
dite la vostra, che ho detto la mia!