martedì 16 dicembre 2014

[#Aspettandonatale5] Decorazioni in sughero

Questo è il mio cavallo di battaglia per il Natale 2014, ve lo propongo come apertura (era ora!) di #aspettandonatale5.

L'anno scorso furono i cuori matti da legare, quest'anno tocca questi tondini di sughero da appendere all'albero, ai pacchetti, da usare come segnaposto o portatovagliolo o... chi più ne ha più ne metta.

Tanto lo sappiamo che da qui in avanti saranno brindisi, aperitivi, cene e vin brulè come se non ci fosse un domani. Vogliamo almeno riciclare i tappi?
(Che volete di più, vi offro la scusa per  stapparne un'altra... hic, hic...)

Pochi materiali, poco tempo, difficoltà nulla e risultato garantito.

Tutto quello che vi serve è:




Per prima cosa bisogna tagliare i tappi di sughero a rondelle di circa mezzo centimetro, volendo fare le cose per bene si può stringere il tappo con una morsa da banco per tagliarlo in modo regolare. Oppure, con un po' di attenzione, si può affettare in modo molto più casalingo: tagliere e coltello affilato alla mano, come fosse un salame.
Vi lascio indovinare quale opzione ho scelto. ;-)

Non è indispensabile ma si può dare una passata con acrilico bianco, utile soprattutto se decidete di decorare con carta velina chiara.

Si ricopre con washi tape o carta da regalo o ancora con carta velina e poi si rifila con una paio di forbicine.

Ora basterà formare un gancino con il fil di ferro e inserirlo nel sughero, aggiungere un nastrino o uno spago e decorare il decorabile.




Se avete idee da condividere ricordatevi di utilizzare #aspettandonatale5 e se volete il banner qui sotto. Alla prossima (bottiglia, s'intende!)




4 commenti:

  1. hic! La semplicità meravigliosa è il tuo mestiere! Hic! ;)
    (grazie per la scusa...)

    RispondiElimina
  2. Ma che bel commento! Cin cin carissima :-)

    RispondiElimina
  3. Mi piace questa idea, semplice e veloce!

    RispondiElimina
  4. Mi trasmettono un'infinita dolcezza, veramente carini!

    RispondiElimina

lunga è la foglia, stretta è la via...
dite la vostra, che ho detto la mia!